Biondo platino? Sì, grazie!

 

Ilary Blasi, Taylor Swift e Kristen Stewart sono tra coloro che hanno optato per una colorazione di capelli biondo platino che volge quasi al bianco. Ma cosa comporta la scelta verso un colore così radicale?

I trend per la bella stagione 2017 sono orientati verso le tonalità pastello e, in genere, verso i colori chiari. Nel caso delle decolorazioni naturali, nessun problema per la ricrescita ma risulta evidente che, scegliendo il biondo platino quale di colorazione, il rischio di avere un brutto effetto ricrescita è più vivo che mai.

Per ovviare al problema dell’ulteriore scolorimento, oltre a recarci dal parrucchiere nei tempi giusti, possiamo idratare molto i capelli, proteggendoli dal sole forte della bella stagione.

Per fare questo, consigliamo l’acquisto di prodotti appositi volti ad evitare che i capelli divengano troppo secchi e perdano la loro bellezza.

Spray protettivi e balsami doposole possono rivelarsi ottimi alleati contro lo scolorimento dei capelli, specie se parliamo del biondo platino.

Sempre a proposito del biondo platino, non fatevi frenare dal taglio: tale colorazione si adatta bene sia ai tagli corti che a quelli medio lunghi.

Parliamo chiaramente di una scelta che va fatta in maniera ponderata poiché quante hanno una carnagione scura potrebbero restare un po’ impressionate a primo acchito nel vedere il risultato finale del biondo platino .

L’importante è essere convinte di quanto si sceglie e dell’effetto che potrebbe risultarne.

Considerate altresì il vostro colore naturale e fatevi consigliare dal vostro parrucchiere su quanto e come schiarire i capelli, richiedendo quali potrebbero essere le conseguenze sulla chioma in termini di stress, anche se i rimedi attuali sono molto all’avanguardia rispetto anche a quelli di pochi anni fa.

Non sarà un caso, insomma, se già dallo scorso anno, anche Scarlett Johansson e Suki Waterhouse hanno scelto il biondo platino, una tinta di forte connotazione tanto estetica quanto caratteriale.

Francesca Martire

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *