I tuoi capelli come quelli delle donne vichinghe

4 acconciature da donne vichinghe da realizzare velocemente

 

Ti affascinano le donne vichinghe?

Ecco allora 4 tipiche acconciature delle donne vichinghe ovvero di un fantastico popolo che ha ispirato infinite leggende.

Innanzitutto va chiarito che l’idea di sporcizia associata ai Vichinghi è da aborrire: parliamo di leggende metropolitane, mentre le donne di questa popolazione avevano una grande cultura per la pulizia, per la cura della chioma in particolare.

Del resto, le donne vichinghe erano fermamente convinte che nei capelli e nelle unghie si celasse una grande energia. Di conseguenza, il momento della pettinatura o della cura della chioma in generale era considerato quasi un momento mistico.

 

Le donne erano solite portare i capelli sciolti proprio a calcare la propria femminilità ma in caso di battaglia questi venivano raccolti in trecce fissate sull’alto del capo.

A seconda dell’età, le fanciulle adottavano vari tipi di acconciature realizzate con trecce e non.

Le donne vichinghe adulte, invece, avevano i capelli legati oppure coperti con un velo ed erano solite schiarirli con dei prodotti naturali. Molto utilizzata la tinta ramata.

 

Tra gli ornamenti, le ragazze non sposate utilizzavano un cerchietto mentre le donne maritate una cuffia che serviva a mantenerle in ordine durante le faccende, le battaglie o gli spostamenti.

 

In particolare, ecco delle acconciature con le relative illustrazioni.

 

 

 

Capelli mossi riportati all’indietro con una treccia. Niente frange ma capelli lunghi in modo da tenerli ben saldi legandoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Capelli cotonati all’insù con trecce strette e realizzate in modo non netto ricadenti all’indietro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chignon scomposto. Ripiegate i capelli sul capo e teneteli uniti grazie ad un elastico, fissandolo in maniera non troppo stretta.

 

 

 

 

 

 

 

Realizzate una treccia laterale detta annodata per tenere uniti i capelli di lunghezze diverse sul davanti.

 

Un po’ di lacca per fissare il tutto e il gioco è fatto!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *