Il look capelli per un matrimonio dark

Matrimonio dark: ecco come

 

Amate le tinte scure e vorreste un matrimonio dark?

Niente è impossibile, non disperate.

Nonostante sia il bianco il colore per antonomasia da matrimonio, non è detto che non si possano stravolgere le regole.

Del resto, il mondo è bello perché è vario.

Per lei, sono da preferire acconciature cotonate, legate in modo asimmetrico e fissate con della lacca in modo che le punte si mantengano ben dritte, specie se all’insù.

Un matrimonio dark, così come tutta la tendenza in black, si ispira al Medioevo, ecco perché la sposa dovrà conciliare le mode romantiche con quelle gotiche.

 

 

 

 

E’ preferibile lasciar crescere i capelli, in modo da ottenere acconciature d’effetto, ma per un matrimonio dark si può osare anche con dei tagli corti, magari con dei bob destrutturati.

Inoltre, c’è sempre l’escamotage delle estensioni di ciocche.

 

Se amate il dark ma non vorreste i capelli neri nel famoso giorno in cui convolare a nozze, optate per delle sfumature bianco/grigie oppure sui toni del blu, del verde scuro e del viola.

Se amate il rosso, anche una variante che tenda al bordeaux può rivelarsi una scelta particolare.

Considerate, inoltre, l’idea di mèche nere su toni più chiari.

 

 

 

 

Altra chicca è quella di fissare le ciocche con fiori neri e grigi oppure di realizzare uno chignon (meglio se con trecce) che non passi inosservato.

Se volete osare ancora di più e se la fisionomia del vostro viso ve lo permette, optate per un taglio mascolino, a spazzola, con cresta colorata con sfumature del colore che più vi piacciono.

Considerate l’idea di utilizzare spray coloranti che vanno via con lo shampoo in modo da poter ricambiare look dopo il matrimonio dark.

 

 

 

 

 

 

La lacca è fondamentale per tenere a bada il tutto. Se scegliete di utilizzare quella realizzata con brillantini argentati, donerete un tocco di eleganza al tutto.

 

Provare per credere!

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *