Maschera casalinga per capelli sfibrati

Quante volte avete pensato che avreste voluto realizzare una maschera casalinga per capelli ?

Beh, è giunto il momento di farlo!

Che si tratti di capelli sfibrati o che cadono in continuazione, di doppie punte o di ciocche elettrizzate… No problem! Qui di seguito vi diamo una dritta infallibile per prendervi cura dei vostri capelli.

No prodotti chimici, no dispendio di soldi inutile, tutto quello di cui avete bisogno è qualche minuto di tempo a disposizione.

Per il resto, basta qualche ingrediente che già avete a casa o, al massimo, fate un salto in erboristeria. Il risultato è garantito anche perché saprete con certezza cosa state mettendo sui vostri capelli, qualcosa di naturale che farete con le vostre stesse mani, senza alcuna difficoltà.

La maschera per capelli rovinati che vi proponiamo oggi è a base di alloro. L’alloro (Laurus nobilis) è una pianta della famiglia delle Lauraceae che ha varie funzioni tra cui quella di fungere da repellente contro gli insetti. Le proprietà molteplici dell’alloro si ritrovano tanto nelle foglie quanto nelle bacche: stimolare la sudorazione, contrastare la febbre e le infezioni in generale rientrano tra queste.

Anche chi soffre di raffreddore o tosse frequenti troverà beneficio grazie all’uso dell’alloro che si rivela un ottimo antinfiammatorio, emostatico e astringente.

Ecco di seguito la ricetta per la maschera volta a risanare i capelli sfibrati.

 

Ingredienti:

Foglie di alloro da cui andrà ricavato un infuso

6 cucchiai di henné neutro

1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

1 cucchiaio di olio di semi di lino

 

Procedimento:

Prendere 5 foglie di alloro e bollirle in acqua per circa 5 minuti.

Lasciar poi raffreddare il tutto, filtrarlo e aggiungere l’henné, l’olio evo e l’olio di semi di lino.

Applicare l’impacco così ottenuto sui capelli puliti e lasciare in posa per circa 45 minuti, dopodiché sciacquare abbondantemente con acqua tiepida.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *