Shatush : chi lo ha ideato?

 

Lo shatush è ormai un must in ambito mondiale: dall’America alla Cina sono innumerevoli le fan di questa tecnica di decolorazione che fa impazzire il mondo. Una moda che sembra non voler passare quella dello shatush , una tecnica di decolorazione molto naturale che ricorda l’effetto post vacanza al mare. Innumerevoli sono le donne che hanno scelto e scelgono tutt’oggi di fare lo shatush : Drew Barrymore, Jessica Biel, Gisele Bundchen, Belen Rodriguez e Bianca Balti tra le tante altre.

Ma chi è l’ideatore della tecnica ormai famosa in ogni dove?

Facendo un salto indietro nel tempo, scopriremo che lo shatush nasce nel 2001 dalle mani di un vero e proprio maestro nell’ambito dell’acconciatura femminile.

Parliamo di Aldo Coppola, colui che è da molti considerato il parrucchiere italiano più famoso al mondo.

C’è chi lo ha definito l’hairstylist delle dive, chi il re dei parrucchieri, chi il guru delle acconciature femminili: quello che è certo è che parliamo di una personalità nell’ambito della moda, di un uomo che ha fatto la storia nel suo settore. La vita lavorativa di Aldo inizia a soli 12 anni quando il piccolo creativo si divertiva nel salone del padre.

In seguito, quindicenne, il guru scomparso nel 2013, conquista i suoi primi riconoscimenti.

L’Accademia gli dà la sua formazione artistica, ma Aldo non si ferma alla teoria, mettendo in pratica le sue idee, stravolgendo la moda e inventando nuove pettinature e tecniche quali lo shatush. 

Dopo la collaborazione con Elvira Leonardi Bouyeure, in arte Biki, celebre stilista italiana morta nel 1999, Aldo collabora con l’Oréal, continuando a stupire clienti e pubblico.

Arrivano poi i tre saloni a Milano: quello di via Manzoni costituisce la sede storica tra i tre.

L’azienda, nata nel 1973, dà vita, a partire dal 1992, al franchising omonimo, attualmente un brand di riferimento nel panorama tricologico mondiale.

La parola chiave per descrivere la vita di Aldo Coppola è dunque “innovazione”, un’innovazione capace di affascinare donne del calibro di Sofia Loren e Monica Bellucci, ma anche stilisti come Armani che alla morte dell’inventore dello shatush ha dichiarato: “L’abilità e le intuizioni di Aldo mi hanno sempre affascinato, la sua grande umanità lo rendeva un artista al quale risultava naturale voler bene”.

Francesca Martire

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *