Scegli il taglio a scodella per capelli al top

E’ la ‘scodella’ il taglio del 2018

 

E’ il taglio a scodella ad imporsi già nei primi mesi del 2018.

Gli esperti di look dicono che detterà legge anche in estate, periodo in cui si preferiscono i tagli versatili, corti, da adattare facilmente alle alte temperature.

Phon e piastra sono infatti banditi nei periodi di estremo calore e anche ai capelli fa bene l’asciugatura nature al sole, non dimenticando di proteggerli, soprattutto per quel che riguarda le punte.

Parliamo del cosiddetto taglio finto corto, quello che molti hanno definito quasi rock poiché ricorda alcune tra le più famose cantanti appartenenti a questo genere musicale.

 

Il taglio detto anche “bowl cut” è stato reso celebre dalla modella e attrice americana Peggy Moffit nata nel 1940 che è divenuta una sex symbol durante gli anni ’60.

Il suo stile, divenuto quello dell’epoca per antonomasia, includeva ciglia finte e trucco importante per gli occhi, insieme al taglio detto in gergo  “scodella asimmetrica”.

 

Fu Vidal Sassoon, stilista britannico nonché innovativo coiffeur, a creare il taglio per lei.

Sassoon divenne talmente celebre per le sue idee innovative, soprattutto in ambito capelli, che aprì a Los Angeles una catena di negozi negli anni ’70, ottenendo uno strepitoso successo.

 

Il taglio a scodella spettinato va oltre la classicità, spezza i legami con l’idea di donna remissiva, al contrario, si lega all’idea di donna che sa il fatto suo, che decide in autonomia della sua vita, che mostra il suo volto nella sua totalità.

Semplice da mantenere in ordine, il bowl cut regala alla donna un aspetto deciso, specie se si sceglie di tenere la frangia a mò di ciuffo che dona maggiore risalto allo sguardo.

Insomma, il taglio a scodella diviene così il riflesso si una scelta di moda della donna che gioca con se stessa senza perdere il suo appeal e la sua femminilità sebbene rinunciando alla folta capigliatura che da sempre dà l’idea di femminilità.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *